Durante la progettazione di un hotel è buona norma tenere conto di alcune considerazioni prima della progettazione.

Innanzitutto, bisogna sapere il target di clientela a cui si vuole puntare cosi da studiarne gli usi e le abitudini per progettare gli spazi in modo ideale e preciso.

Infatti, durante questa fase è buona norma far partecipare ai meeting insieme ad architetti e designer anche il/la responsabile Revenue.

Questo permetterà durante la progettazione di indirizzare gli architetti sulla scelta giusta riguardante la progettazione degli spazi e del design.

Niente di più difficile sarà vendere delle camere che non soddisfano le abitudini dei clienti o del target di clientela a cui voglio puntare.

Se per esempio, il nostro target sarà la clientela Business, sarà compito degli architetti e dei designer di progettare un hotel con delle camere con un ottima fonte di luce per potergli permettere di lavorare e posizionare in modo corretto il Desk con i punti luce e rete.

Qualora questa cosa non accada, rischierete di avere un’enorme perdita di denaro e di tempo inutile poiché si dovrà ricorrere ad un’ulteriore modifica delle camere a livello strutturale.

Progettazione di un hotel: le camere

Una volta definito il target di clientela,  durante la progettazione delle camere, insieme agli architetti e i designer bisogna studiare come progettare le camere, gli spazi comuni e l’impiantistica.

Infatti una volta sotto mano la planimetria esatta di come verrà strutturato l’albergo, sarà più facile capire come dislocare camere e spazi comuni in funzione degli impianti.

Senza far questo si rischia che alcune camere potrebbero non ricevere un apporto di condizionamento adeguato rispetto ad altre.

Sarà quindi opportuno progettare ed installare degli impianti in sovra dimensione per fare in modo di soddisfare l’intera struttura anche in periodo di piena occupazione.

Ricordiamo che il cliente passa la maggior parte del suo tempo “libero” in camera e quindi dobbiamo fare in modo di rendere questo periodo di tempo piacevole e memorabile per fare in modo il cliente si senza a suo agio e ritorni.

Molti alberghi hanno fatto l’ottima scelta di adottare sistemi di domotica e di facilitare la “gestione” degli impianti in modo facile ed intuitivo, optare quindi per questa soluzione durante la progettazione di un hotel.

E ora… si aprano le danze con l’arredamento e il design….

Una volta progettati gli spazi e gli impianti si comincia con la fase di arredamento e allestimento che mette al lavoro il designer e l’architetto.

Questo per fare in modo che le camere siano in linea con lo stile dell’intera struttura, ma anche con le richieste e le abitudini della clientela target a cui ci si rivolgerà.

Particolare attenzione infatti dovrà essere fatta nel posizionare il letto rispetto alle fonti di luce primaria, quindi alle finestre, oppure alla posizione del servizio asciugamani di cortesia.

La soluzione ideale è una sola, mettersi nei panni del cliente tipo per cercare di capire come vogliamo trovare la camera al nostro arrivo e dove vorremmo trovare tutto quello che ci serve

Si dovranno quindi considerare diversi fattori e elaborare l’idea di camera dal punto di vista di diverse di tipologie di clienti.

Sarà quindi necessario diversificare la struttura offrendo diverse tipologie di camere per avere un ampio ventaglio di scelta da offrire al cliente.

Ogni tipologia di clientela, avrà quindi il suo stile ideale pertanto, si dovrà essere in grado di soddisfare nel miglior modo possibile tutti.

I 5 sensi che fanno in modo di rendere memorabile l’esperienza del cliente

Quando un cliente entra in camera, entrano in funzione delle sensazioni che faranno si che l’esperienza possa essere positiva o negativa.

Il primo impatto è quello dell’olfatto, infatti entrando in camera, i profumi saranno quelli che salteranno subito fuori poiché l’olfatto è il senso più persistente che ci rimarrà più nella mente…

E’ quindi un’ottima abitudine diffondere nell’ambiente, sia delle aree comuni che nelle camere (soprattutto), un profumo gradevole (ma non forte che potrebbe dar fastidio all’olfatto).

Questo perchè anche il restare semplicemente in camera sia piacevole e rilassante….

Il senso della vista dovrà essere curato studiando fin nei minimi particolari dalla progettazione degli spazi, poiché sia i punti luce artificiale che naturale andranno posizionati in modo strategico e ottimale.

La stessa cosa vale anche per gli interruttori che devono essere facilmente raggiungibili e utilizzabili.

Di tutto questo bisognerà tenerne conto fin dalla progettazione di un hotel.

Progettazione di un hotel: il Bagno, la soluzione ideale per gli hotel

Nelle prossime immagini vedremo due ristrutturazioni di bagno fatte dall’ Arch. Alessandra Morelli che le ha poi presentate nella diretta del 13 dicembre nel gruppo Facebook, Revenue Management.

Per la clientela Leisure (vacanze e divertimento) il bagno è uno dei punti decisivi per decidere se tornare o no ed è anche uno dei punti che viene toccato facilmente nelle recensioni.

progettazione di un hotel:il bagno ideale
progettazione di un hotel: il bagno perfetto

Come potete vedere, non solo l’estetica ma anche la funzionalità è molto più vivibile con delle semplici ristrutturazioni basilari.

Quindi concludendo, nella progettazione di un hotel, nelle camere, non dovranno MAI e POI MAI mancare sia stile che funzionalità.

Ricordatevi in fase di progettazione di interpellare anche il/la Revenue Manager/Specialist che potrà darvi un enorme mano facendovi risparmiare tempo e denaro.

Nel Prossimo articolo vi insegneremo a fotografare le vostre camere per pubblicizzarle sul vostro sito e sulle OTA.

Un’articolo che potrebbe anche interessarvi in merito è : Regione Lombardia: Bando Contributi a fondo perduto per il rilancio del settore alberghiero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *